CODICI: i pensionati non devono pagare per gli errori dell’INPS nei conteggi

Poche righe, sufficienti a gettare nel panico un pensionato. In questi giorni l’associazione CODICI ha ricevuto segnalazioni e richieste di chiarimenti in merito ad una breve comunicazione con cui l’Inps impone la restituzione dell’importo maggiore erogato per la pensione. Un errore addebitato in automatico al pensionato, anche se non è detto che la responsabilità sia effettivamente di quest’ultimo.


In alcuni casi – spiega Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di CODICI – parliamo di somme anche considerevoli, migliaia di euro, e quindi è comprensibile la preoccupazione dei pensionati. Di fronte a queste situazioni, la prima cosa da fare è mantenere la calma. Non è detto, infatti, che le somme richieste debbano essere restituite. Bisogna verificare che la richiesta sia legittima, nel qual caso è bene ricordare che il pagamento può essere rateizzato. Nel caso in cui, invece, la richiesta non fosse legittima, perché l’errore non è stato commesso dal pensionato, allora si aprono altri scenari. È l’istituto, infatti, che deve dimostrare di non aver sbagliato. Ci sono pronunce importanti da parte della Corte di Cassazione e del Tribunale di Roma, che fissano dei paletti che non possono essere aggirati. Il consiglio che rivolgiamo ai pensionati è di verificare la legittimità della richiesta, senza farsi prendere dal panico, perché non è detto che l’Inps abbia ragione”.


CODICI è a disposizione con i suoi esperti per verificare la legittimità delle richieste dell’Inps. È possibile fare una segnalazione e richiedere l’assistenza dell’associazione telefonando al numero 06.5571996 oppure scrivendo all’indirizzo email segreteria.sportello@codici.org. La delegazione Lombarda è disponibile scrivendo all'indirizzo codici.lombardia@codici.org oppure chiamando i numeri 02.36503438 e 351.7979897