CODICI: domani in aula per tutelare i passeggeri Ryanair; rimborso e risarcimento sono doverosi

È fissata per domani, giovedì 13 maggio, la nuova udienza sulla class action promossa da CODICI contro Ryanair. In aula al Tribunale di Milano si discuterà dell’iniziativa avviata dall’associazione dei consumatori per il mancato rimborso dei passeggeri che hanno acquistato un biglietto per il periodo dal 6 novembre al 3 dicembre 2020.


Spesso la confusione generata dall’emergenza ha danneggiato i consumatori – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di CODICI – e questa vicenda ne è l’ennesima dimostrazione. Nonostante fossero in vigore provvedimenti governativi che imponevano restrizioni sul piano degli spostamenti, rendendo quindi impossibile per alcuni cittadini raggiungere l’aeroporto di partenza o la destinazione di arrivo, Ryanair ha negato i rimborsi. Soltanto ora che la class action è arrivata in Tribunale, dopo mesi di silenzio e di disinteresse la compagnia si è ricordata dei propri clienti, proponendo dei voucher che non bastano certamente per rimediare a quanto fatto”.


I diritti dei consumatori devono essere rispettati – dichiara Stefano Gallotta, Responsabile Trasporti e Turismo di CODICIed in questo caso significa rimborsare e risarcire i passeggeri che hanno acquistato un biglietto per un volo dal 6 novembre al 3 dicembre 2020. Proprio in quel periodo, caratterizzato da una grande confusione sui viaggi, dall’Enac arrivò un richiamo alle compagne aeree, ricordando l’obbligo di rimborsare chi non poteva partire a causa delle restrizioni antiCovid19. Il quadro è chiaro, i diritti dei consumatori anche e siamo pronti a tornare in aula per tutelarli”.


L’udienza è fissata, come detto, per domani. Intanto le adesioni alla class action restano aperte. È possibile partecipare all’iniziativa contattando il numero 06.5571996 oppure scrivendo all’indirizzo email segreteria.sportello@codici.org.