CODICI: adesioni aperte per la class action contro U-Mask

Dopo il deposito presso il Tribunale di Milano della class action contro U-mask, avvenuto nei giorni scorsi, non si ferma l’operato di CODICI per fornire assistenza a tutti coloro che hanno acquistato le tristemente famose mascherine, vendute senza avere gli effettivi requisiti tecnici dichiarati dalla società.

L’azione è stata avviata – spiega Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di CODICI dopo l’inchiesta scattata a seguito delle analisi effettuate sulle capacità di filtraggio delle mascherine U-Mask Model Two e Model 2.1. La società avrebbe enfatizzato l’efficacia di questi dispositivi con modalità ingannevoli e aggressive. Un altro risvolto inquietante, su cui si sono concentrate le indagini, è il sospetto che i vecchi modelli venissero riconfezionati con il packaging di U-Mask 2.1, andando non solo a mettere a grave rischio la salute delle persone, ma portando il consumatore a pagare un prezzo più elevato per un prodotto non corrispondente a quello venduto. Questi sono solo alcuni degli aspetti che dovranno essere spiegati in tribunale e CODICI sarà pronta a dare battaglia affinché i consumatori ricevano il giusto risarcimento”.

“Non possono essere in alcun modo sottovalutati - dichiara Davide Zanon, Segretario Regionale di CODICI Lombardia - i potenziali rischi per la salute che le persone potrebbero aver subìto acquistando questo prodotto, spesso spinti dalla pubblicità che, numerosissimi influencer, hanno fatto sui diversi social e dai claim utilizzati dalla società stessa per incentivare l’acquisto delle mascherine. Ricordiamo che, in relazione alle U-mask Model Two, secondo le indagini, le certificazioni di dispositivo medico venivano sottoscritte da un soggetto senza laurea in base alle analisi di un laboratorio privo di autorizzazione. Tutto ciò è gravissimo ed inaccettabile. Andremo fino in fondo affinché venga fatta chiarezza e giustizia”.

È possibile aderire alla class action compilando i moduli presenti sul sito www.codici.org oppure contattando l’associazione al numero 06.5571996 o scrivendo all’indirizzo email segreteria.sportello@codici.org. La delegazione di CODICI Lombardia è disponibile scrivendo all’indirizzo mail codici.lombardia@codici.org oppure chiamando i numeri 02.36503438 e 351.7979897.