PRESCRIZIONE DELLE BOLLETTE

Quando il fornitore di energia elettrica/gas/acqua ti fattura i consumi con eccessivo ritardo, potresti aver diritto di non pagare, vale infatti il diritto alla prescrizione biennale delle bollette (introdotta con la Legge di Bilancio 2018). 

 

Se ti vengono fatturati dei consumi risalenti a più di due anni fa rispetto alla data di emissione della fattura, quegli importi non sono dovuti. Inoltre, la prescrizione vale per tutte le componenti inserite nella bolletta, sia in caso di importi fatturati per la prima volta, sia in caso di ricalcoli di importi già fatturati in precedenza. La possibilità di non pagare importi fatturati con eccessivo ritardo non è automatica, ma deve essere fatta valere dal cliente con una comunicazione scritta al venditore, secondo le modalità inserite nella bolletta stessa o sul sito web

 

Nonostante la normativa indichi quanto sopra esposto, non tutte le compagnie fornitrici di luce, gas e acqua hanno agito, e stanno agendo,, correttamente. Alla nostra associazione sono pervenute numerose segnalazioni di società fornitrici di acqua, luce, gas che si rifiutano di applicare la prescrizione. Anche l’autorità AGCM (Autorità Garante per la Concorrenza nel Mercato) è intervenuta con una decisione storica: è stati accertato l'ingiustificato rigetto delle istanze di prescrizione biennale presentate dagli utenti di Enel Energia, del Servizio Elettrico Nazionale e di Eni Gas e Luce, ed è stata erogata una sanzione da 12,5 milioni di euro complessivi. Per effetto della delibera dell’Autorità, gli utenti interessati hanno diritto a ottenere entro tre mesi il rimborso dei pagamenti già effettuati a titolo di indebito conguaglio.

 

Se anche tu hai riscontrato lo stesso problema compila il form alla pagina SEGNALAZIONI inserendo i tuoi dati e allegando copia della bolletta prescritta. Verrai aggiornato via mail su tutte le azioni che metteremo in campo grazie anche alla tua segnalazione!